HOMEPAGE   INTRO   ARTICOLI   IMMAGINI   CREDITI   CONTATTI  
Udine occupata dagli austro-tedeschi
CERCA NEL SITO





 
Sito realizzato dal Servizio Cultura della Provincia di Udine
Sito realizzato con il contributo della Regione Autonoma Friuli Venezia Giulia


Udine occupata dagli austro-tedeschi

Il Comando germanico prese possesso di Udine nelle prime ore del 29 ottobre, dopo che per tutta la giornata e la notte sŽera combattuto nella città tra gli Jäger della 26a divisione di von Berrer e gli arditi del I reparto dŽassalto.
Dopo pochi giorni ai tedeschi si affiancarono gli austriaci, la città fu divisa in due settori la parte nord ai tedeschi, la parte sud agli austro-ungheresi.
Fu il periodo più nero dellŽoccupazione in quanto la requisizione fu irrefrenata e selvaggia, si trattò di un vero e proprio saccheggio, i cittadini depredati e molte donne violentate.
Nei primi giorni di novembre i Comandi austro-tedeschi decisero di por fine ai saccheggi e di organizzare una requisizione sistematica dei macchinari delle officine, dei magazzini, della biacheria e degli oggetti di metalli necessari allŽindustria bellica.

I tedeschi sŽinstallarono nel palazzo del Monte di Pietà in via Mercatovecchio, mentre gli austriaci nel palazzo comunale in piazza Contarena.
Fu costituito un Comitato Cittadino i cui membri più influenti furono il conte Giuseppe Orgnani Martina, Bindo Chiurlo, Guido Sandri, Monsignor Giovanni Mauro, con il compito di limitare le sopraffazioni dei comandi di von Below e von Batoki che considerarono le case degli assenti – 31.000 su 35.000 residenti – come res nullius, e quindi totalmente a disposizione dei Comandi degli occupanti.
Nel gennaio del 1918 il comando della città fu assunto dal generale Rohn von Verbas e iniziò la requisizione di ogni tipo di metallo e oggetto utile al mantenimento delle truppe.
Il teatro Minerva fu distrutto da un incendio e la Loggia del Lionello trasformata in Caffé per gli ufficiali austriaci.

Si arrivò così alla requisizione della biancheria personale e a ridurre la razione di farina a 80 grammi giornalieri.
In luglio furono abbattute le campane del Duomo e di tutte le chiese.
Praticamente lŽesercito austriaco dovette recuperare in Friuli e nel Veneto occupato la gran parte del cibo e del vestiario di cui necessitava perché gli approvvigionamenti dallŽimpero erano praticamente nulli: un esercito di oltre un milione di soldati visse sopra una popolazione di un milione di civili.

I danni dellŽoccupazione miltare furono così enormi, tanto che il Friuli ebbe, in proporzione al numero di abitanti, il maggior numero di morti di tutta Italia.
Per celebrare la brillante vittoria sugli italiani, a Udine vennero in visita sia il Kaiser Gugliemo II sia lŽimperatore Carlo I.
La liberazione di Udine avvenne il 3 novembre 1918 con lŽarrivo dei reparti del Savoia Cavalleria.

p.g.
 
Articoli vicini:
  « Comando Supremo «     » Ospedali Militari »  
 

IMMAGINI CORRELATE A
QUESTO ARTICOLO:



 - Uccisione di von Berrer
Uccisione di von Berrer

 - Segente Giuseppe Morini
Segente Giuseppe Morini

 - Entrata Austriaci a Udine
Entrata Austriaci a Udine

 - Comando austriaco nel 1917
Comando austriaco nel 1917

 - Austriaci a Udine
Austriaci a Udine

 - Il Generale Rohn
Il Generale Rohn

 - Generale Rohn
Generale Rohn

 - Banda Militare a Udine
Banda Militare a Udine

 - Colonnello Alfred Manussi
Colonnello Alfred Manussi

 - Stazione Ferroviaria - Interno
Stazione Ferroviaria - Interno

 - Viale Venezia a Udine
Viale Venezia a Udine

HOMEPAGE   INTRO   ARTICOLI   IMMAGINI   CREDITI   CONTATTI  

Testi e documentazione curati da Paolo Gaspari Editore Web Design e servizi Internet curati dalla Soft Hare Productions